Private party whit Bill gifs

by marykaulitz.de

muhahahahaha ūüėÄ

https://i1.wp.com/29.media.tumblr.com/tumblr_lnmm8xqXx51qcgy8go1_500.gif

 
Annunci

Cool Girl #10/2011 Romania -traduzione

fonte reden im zimmer 483

Traduzione dallo spagnolo by aquarius

Bill Kaulitz: Mi piacciono i parchi divertimento, aumentano la possibilità di incontrare qualcuno.
Quando avevi 8 anni, la vostra famiglia si trasferì in un piccolo paese di 700 abitanti. Vuoi parlarne?
Non ero affatto infelice, ma poi, non ero un fan della¬† vita di paese. Potete immaginare come abbiamo vissuto io e¬†Tom. ¬†La gente ci guardava come se fossimo pazzi.¬†Per andare ¬†‚Äč‚Äča scuola, bisognava¬†alzarsi alle 5:00 del mattino e prendere l’autobus¬† per un’ora e vedere le stesse facce ogni giorno. E ‘stato un orrore, devo ammettere …

 Come hanno risposto gli insegnanti al fenomeno Kaulitz

 naturalmente! Ora che tuttavia se ne parla, dicono che quando siamo insieme, non  ci possiamo vedere! Tom e io siamo andati insieme a scuola fino alla  7^ classe.  A causa del nostro comportamento, ci hanno separati.

Non ti piacerebbe tornare a scuola?

Ho sempre saputo che la scuola ha molto da offrire (per trovare lavoro), ma non è necessario se sei un musicista. Gli insegnanti mi hanno sempre rimproverato, perchè conoscevo  i miei diritti e sapevo cosa fare e cosa no. Ho sempre protestato! Ho avuto insegnanti che non mi  salutavano a causa dei  miei capelli tinti di nero e dritti. Un insegnante deve lavorare, non importa come sia lo studente! Quindi, no. Non mi piace la scuola.

Pertanto, è stato un sollievo per voi uscirne attraverso la musica ..

ovviamente! Ho sempre desiderato vivere in una grande citt√† … Sono davvero spaventato a morte ¬†dallo stereotipo! Cos√¨ ora il mio stile di vita √® nei costumi dei Tokio Hotel e ho tutta la libert√† che voglio!

Tuttavia, ci sono strumenti importanti di comunicazione. Non interferiscono con questo?

Quando ero piccolo, ho voluto sottolineare,  tutto ciò che facevo. Volevo una costante attenzione. Avete capito bene, perché dovrei intervenire?  Se ripenso alla mia vita di prima e alla mia libertà, sono disposto a fare dei compromessi.

Così  continui a sperimentare la creatività  e a mostrarti  ai media?

Voglio essere una persona che decide di mostrarsi al pubblico. A causa di questo, non ho mai voluto uno stilista, penso che sia orribile.

Ok, non sei d’accordo con gli¬†stilisti. Tuttavia, sei un icona di stile. Da dove trai ispirazione?

 Alcune persone, mi aiutano a crescere e dato nuove idee per questo. Per esempio, Karl Lagerfeld. E il marchio Dsquared2. Per quanto riguarda la musica, Steve Tyler degli Aerosmith è incredibile!

Anche  Adam Lambert. In molte interviste parla di te ..

Sì, io lo rispetto molto. Non voglio che le cose siano interpretati in modo diverso. Ha tutto il diritto di parlare di me, se lo  desidera. Naturalmente, questo fa crescere il mio ego (ride)

Per quanto riguarda un rapporto, pensi che ad un certo punto della tua vita che qualcuno dovrà competere con Tom?

non riesco ad immaginare la mia vita senza Tom. Tra di noi è qualcosa di indistruttibile. Molte volte abbiamo sognato le stesse cose o abbiamo le stesse idee. E ci capiamo senza parole.

Quali sono le differenze tra voi?

¬†Questo √® davvero divertente perch√© siamo diversi.¬†Abbiamo personalit√† molto forti, abbiamo anche il nostro stile. Io sono pi√Ļ glamour e Tom √® un rapper.

Qual è il tuo abbigliamento preferito?

In effetti,¬†sono perplesso, non potrei sopravvivere senza¬†i miei capi¬†di abbigliamento in tour.¬† Cos√¨ mi occorrono¬†circa 10 o 20 capi¬†in sala,¬† sembra¬†un negozio di abbigliamento. So che √® un po ‘estremo, ma lo amo!

Qual √® il problema pi√Ļ grosso per Kaulitz?

Il problema pi√Ļ grande per chi √®¬†come me √® la fiducia della gente .. E’ difficile per me. E’ possibile che¬† questa sia la ragione per cui non ho trovato nuovi amici o qualcuno¬†¬†che amo. Quando incontro una persona nuova, sono molto cauto e scettico. Tutto dipende da un nulla, ma √® un rischio che va di pari passo con questa vita.

Così ora hai una fidanzata? No, sto ancora aspettando la mia dolce metà, da diversi anni. Beh, io sono ancora giovane (ride) Ma il tempo vola ed io sto facendo un piccolo sforzo.

Ma quando hai un legame particolare che tipo di rapporto  desideri?

Sorprendentemente, sono molto emotivo e sensibile .. Sono una vittima delle emozioni e dei pensieri degli altri. In un certo senso, evito liti e controversie.

Sei sorpreso quando la gente pensa che sei gay?

Alcuni lo considerano comune: trucco e capelli = gay. Ma non √® cos√¨, o almeno, non¬†nel mio caso. Tutti sembrano volere e sapere l’orientamento sessuale di ciascuno.

Che tipo di ragazza  desideri?

deve essere intelligente, in modo che possiamo parlare di tutto. Voglio essere suo amico e complice, non solo amante. E non mi piacciono le donne difficili, mi piace la fragilità, la femminilità e la sanità mentale!

Sei sono emigrato negli Stati Uniti, questo è il primo passo ..?

¬†Haha, s√¨,¬† per me stesso. Vogliamo ampliare i nostri orizzonti un po ‘.. Per fare un disco nuovo e pi√Ļ moderno. Vedrete presto il risultato, lo giuro! Ma ancora, ci piace godercela, ci piace andare ai parchi di divertimento, Tom gioca a tennis, e apprezziamo l’anonimato che ci fornisce la vita¬†all’estero. Noi facciamo quanto possiamo. Chiss√†,¬† questo pu√≤ anche aumentare le possibilit√† di trovare qualcuno …

MTVOMA: Vota per i Tokio Hotel!

fonte tokio-hotel-de.blog.cz

                                                                  VOTATE qui

Bild.De: Allarme Madame Tussaud-Chi ha derubato le celebrit√† di cera?

fonte http://www.bild.de/regional/berlin/madame-tussauds/wer-klaute-die-wachs-promis-20170548.bild.html

La statua di cera di Bill Kaulitz è di nuovo completa. Il dito indice mancava.

CENTRALE Рladri di gioielli vagano per il Madame Tussauds a piede libero! Di volta in volta, i furti aumentano e i danni sono seri  perché le donne sono senza orecchini. Anche a Bill dei Tokio Hotel hanno rubato un dito intero. Allarme presso il famoso museo delle cere Unter den Linden.

Che ruba là?  Bande criminali sono al lavoro tra Britney Spears e Rihanna?

Manager delle PR Nina-Kristin Zerbe (32) ha suggerito piuttosto di collegare i fan  ai furti che prendono i gioielli  come souvenir.

Zerbe: “Il ladro ha¬†parzialmente strappato l’orecchio. Questo √® fastidioso perch√© non solo l’orecchino deve essere sostituito, ma ricostruire¬†l’orecchio nel suo complesso “. I pezzi sono originali, gli orecchini modellati¬†su quelli ¬†ldele stelle, quindi¬†il progettista deve spesso¬† riacquistare.

Vittime popolari: le figure di cera di Angelina Jolie, Nicole Kidman, o il giovane Hildegard Knef.

Zerbe: ” Gli orecchini degli¬†uomini, per esempio,¬†quelli di¬†Justin Timberlake,¬† non vengonoquasi mai rubati.”

La statua del cantante Bill Kaulitz è stata trovata improvvisamente senza un dito.

Zerbe “. Ci vuole una forza enorme per¬†strappare il dito”; ¬†L’operazione ha un costo di circa 5000 ‚ā¨.

 

Liesangeles.com: La ragazza fortunata che guida l’auto di Tom Kaulitz!

fonte http://www.liesangeles.com/2011/09/26/exclusive-the-lucky-girl-who-is-driving-tom-kaulitzss-car/

Quando¬† esci con una celebrit√† √® chiaro ¬†prima o poi¬† la vostra vita interessi ¬†i media¬† e quindi potranno interagire con la loro vita.¬†Sarete spinti verso l’alto su un piedistallo per ricevere il meglio di ci√≤ che ricevono. Ci√≤ significa che anche voi diventate parte di quella¬† “celebrit√†”. Non sar√† fotografato tanto quanto la celebrit√†, ma la gente sa chi sei, perch√© si preoccupano delle persone nella¬† vita delle celebrit√†. Ti trovi in un luogo dove milioni di¬†ragazze vogliono essere! Sto inviando questa immagine perch√© √® ormai una celebrit√† per vicinanza a una delle pi√Ļ grandi celebrit√† europea.¬†

“Lei”¬† fa¬† shopping in un negozio¬† “Target”, quando ho scattato queste foto attraverso una finestra in modo che possiamo tutti vedere chi √® questa ragazza fortunata. Lei sembra molto umile e molto carina¬†di persona. Fa spese nei negozi “Target”, cos√¨ lei non sembra essere un cercatore d’oro!

Solo da un prospettiva esterna: sento che lei¬† probabilmente √®¬†una ragazza grande per Tom¬† ma fanno l’un l’altro felice su un livello normale. Sono lieto di vedere che Tom ha qualcuno di speciale nella sua vita. Non ho intenzione di fotografare di nuovo in qualsiasi momento in futuro a meno che non √® con Tom sia cos√¨¬† per chiunque simpatie o antipatie comprese¬†.¬†

Fanfiction: “Un Magnifico Disastro”. Capitolo III

In Loving Memory of
Francesca Zizi
( Amiche per sempre)
 
 

 Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

CAPITOLO III

Tom entrò in camera da letto con una tazza di tè fumante tra le mani.

Si appoggiò allo stipite della porta, si infilò una mano nella tasca dei jeans e si soffermò a guardare Monica, che dormiva ancora.

Era voltata su un fianco, appena coperta da un candido lenzuolo che lasciava scoperte le lunghe gambe adagiate l’una sull’altra e la schiena liscia e abbronzata.

 Aveva una mano sul cuscino accanto al viso e l’altra abbandonata sulla morbida linea dei fianchi mentre i soliti ricci ribelli  si riversavano scomposti sulla schiena.

Era bellissima.

Il respiro lento e regolare ed un sorriso appena abbozzato sulle labbra carnose mentre la flebile luce pomeridiana, che filtrava  attraverso le spesse tende le sfiorava appena i lineamenti delicati del viso.

Tom tirò su un angolo delle labbra in un sorrisino compiaciuto.

Si avvicinò al letto, sistemò la tazza sul comodino e poi si sedette accanto a lei.

‚ÄúMonica‚ÄĚ la chiam√≤ piano.

Lei strinse appena gli occhi e socchiuse leggermente le labbra.

‚ÄúMonica‚ÄĚ; la chiam√≤ nuovamente.

‚ÄúMmm‚ÄĚ;

‚ÄúHei dormigliona, svegliati!‚ÄĚ;

Monica arricciò leggermente il naso; sollevò a fatica le palpebre per richiuderle subito dopo.

Tom sorrise divertito.

‚ÄúSu pigrona, √® ora di alzarsi‚ÄĚ;

‚ÄúAncora cinque minuti‚Ķ‚ÄĚ piagnucol√≤ quasi infantilmente.

Le accarezzò piano il viso con le sue belle mani indugiando sulle labbra che si distesero in un sorriso.

Si stiracchiò pigramente e poi si strofinò leggermente un occhio.

Li aprì  entrambi controvoglia e appena mise bene a fuoco, vide il viso di Tom vicinissimo al suo.

‚ÄúAllora non stavo sognando‚ÄĚsorrise allargando le braccia, in attesa di un abbraccio che non tard√≤ ad arrivare.

‚ÄúBuongiorno! Dormito bene?‚Ä̬†le chiese dopo averle sfiorato la guancia con un bacio.

‚ÄúCome un ghiro; e tu?‚ÄĚ;

‚ÄúDiciamo bene‚Ķ. se quello che abbiamo fatto tutto il tempo lo chiami dormire‚Ķ‚ÄĚ e sorrise lanciando un‚Äôocchiata furtiva al suo corpo¬†nudo¬†che la fece arrossire violentemente.

‚ÄúSmettila, sciocco!‚ÄĚ.

 Ridendo, si staccò un attimo da lei e prese la tazza dal comodino.

‚ÄúIl tuo t√®‚ÄĚ.

‚ÄúMmm, mi piace essere trattata come una principessa‚ÄĚ e sorrise civettuola.

Si tirò su a sedere; sistemò il cuscino dietro la schiena mentre con le braccia, si stringeva il lenzuolo intorno al corpo.

‚ÄúGrazie mille‚ÄĚ; prese la tazza dalle mani di Tom e cominci√≤ a sorseggiare lentamente la bevanda calda e profumata.

Lo guardò con attenzione e notò che era già vestito.

Indossava dei jeans, un bel maglioncino nero che metteva in mostra le spalle larghe e il torace scolpito, la fronte coperta da una bandana e gli occhiali da sole al collo.

Gli accarezzò delicatamente il petto tastando il soffice tessuto.

‚ÄúMi piace molto, ti sta bene‚ÄĚ;

Tom strinse la sua mano e se la port√≤ alle labbra e la baci√≤ teneramente: ‚Äúa me invece, piace come ti sta quel lenzuolo‚ÄĚ e la guard√≤ con la solita luce maliziosa.

‚ÄúPensi sempre ad una cosa‚Ķ.‚ÄĚ lo rimprover√≤ scherzosamente.

‚ÄúMagari! Purtroppo¬†devo pensare anche¬†ad altro‚ÄĚ disse mentre si rimetteva in piedi.

Fece il giro del letto, si avvicinò al comodino: prese le sigarette  e se le infilò in una tasca.

Afferrò il cellulare, gli diede una rapida occhiata  e lo infilò nell’altra tasca poi prese le chiavi della macchina.

‚ÄúDevo vedere Bill e David per metterci d‚Äôaccordo sui prossimi impegni. Non star√≤ via tanto. Ci vediamo dopo‚ÄĚ e si avvi√≤ alla porta.

‚ÄúHei!‚ÄĚ disse Monica mettendo via la tazza ormai vuota.

Tom si voltò a guardarla con uno sguardo interrogativo.

‚ÄúVai via cosi?‚ÄĚ;

Lui la guardava ancora senza capire.

Monica scese dal letto stringendosi meglio nel lenzuolo e lo raggiunse.

‚ÄúNon penserai mica di andartene senza salutarmi, vero?‚ÄĚ;

Lui scosse la testa e sorrise. Le strinse i fianchi e la avvicinò a sè mentre Monica, con l’unico braccio libero, gli circondò il collo e lo baciò appassionatamente.

Tom chiuse gli occhi e reclinò leggermente la testa all’indietro.

Quando  sentì le sue mani aumentare la pressione sui suoi fianchi e il respiro accelerare si staccò bruscamente da lui sorridendo con aria di sfida.

‚ÄúAdesso puoi andare‚ÄĚ.

Tom la guardò deluso e divertito allo stesso tempo.

Quello sguardo sfrontato e sicuro di sè lo eccitava:

‚ÄúE tu credi di potermi trattare in questo modo? Piccola furba! Sar√† meglio se scappi perch√® quando ti avr√≤ presa, non avrai pi√Ļ scampo¬†‚ÄĚ.

Monica cominci√≤ a ridere a crepapelle mentre Tom si avvicinva sempre pi√Ļ minaccioso.

Corse dall’altro lato del letto ma il lenzuolo era troppo ingombrante ed inciampò rischiando di cadere. Afferrò alla svelta un cuscino e glielo puntò contro.

‚ÄúNon avvicinarti!‚ÄĚ e intanto continuava a ridere;

‚ÄúChe paura!‚ÄĚ;¬† avanzava minaccioso sorridendo pericolosamente.

Monica gli lanciò il cuscino ma lui lo evitò, allora si sporse in avanti per  cercare di afferrare l’altro ma Tom, salì sul letto e lo attraversò raggiungendola dall’altro lato.

Le afferrò i polsi e li strinse dietro la schiena e inevitabilmente il lenzuolo scivolò a terra.

Si accostò lentamente al suo viso, schiuse leggermente le labbra e quasi sfiorò il suo  orecchio.

Monica chiuse gli occhi pregustando il tepore della sua bocca e rabbrividendo al solo pensiero. Tom la sentì fremere tra le sue braccia ma si allontanò  da lei, atteggiando le labbra in un ghigno.

La strinse forte a sè e il suo respiro caldo lambiva la sua pelle, diventata improvvisamente troppo sensibile e recettiva.

Istintivamente Monica inarcò la schiena offrendogli le labbra; a quel punto soddisfatto, le lasciò le mani e se ne andò.

Monica riaprì gli occhi svegliandosi bruscamente da quel torpore e assumendo un’espressione insoddisfatta ed imbronciata.

Tom sorrideva crudelmente .

Sembrava un gatto che si divertiva col topo:

‚ÄúQuesto gioco te l‚Äôho insegnato io, e tu non potrai mai superare il maestro!‚ÄĚ.

Monica contrariata e confusa afferrò la maglietta di Tom dal pavimento e gli diede le spalle mentre se la infilava.

Lui fischiò e  aggiunse:

‚ÄúMi piace moltissimo¬†il tuo lato B, te l‚Äôho mai detto?‚ÄĚ e rise pi√Ļ forte suscitando¬†l‚Äôira di Monica.

Odiava quando si comportava in quel modo!

 Era furente con sè stessa per non aver saputo controllare i suoi sensi e poi con lui. Si sforzò di tenere a bada la collera ma era talmente furiosa che  quasi senza accorgersene sbottò:

‚ÄúSei il solito scimmione,¬†sfacciato e irriverente!‚ÄĚ ed incroci√≤ le braccia al petto continuando a dargli le spalle.

‚ÄúPerch√®?!‚ÄĚ;

‚ÄúPiantala! Non fingere di non aver capito: lo sai benissimo!‚ÄĚ;

‚ÄúCosa dovrei sapere?‚ÄĚ chiese nel pi√Ļ innocente dei modi e questo la¬†irrit√≤ ancora di pi√Ļ;

‚ÄúAhhh! Mi dai sui nervi quando fai cos√¨!‚ÄĚ;

Le si avvicinò con passo felino  e ammiccando aggiunse:

‚ÄĚ Gi√†, e questo ti fa impazzire, ammettilo‚ÄĚ.

‚ÄúDimenticavo¬†il tuo¬†incommensurabile ego e il tuo smisurato¬†narcisismo!‚ÄĚ rispose ancor pi√Ļ piccata;

Le spostò i capelli da un lato e poi le cinse la vita stringendola forte a sè.

‚ÄúDai‚Ķsii sincera, tanto lo so che ti piace‚ÄĚ;

‚ÄúSei un villano e un maleducato Tom Kaulitz!‚ÄĚ;

‚ÄúPuoi dirmi tutto quello che vuoi Monica, ma sappiamo bene entrambi qual‚Äô√® la verit√†‚ÄĚ;

‚ÄúE quale sarebbe ?Sentiamo! Sono proprio curiosa e poi tieni gi√Ļ le mani!‚Ä̬† ma lui non ci pens√≤ affatto anzi, si avvicin√≤ al suo viso stringendola pi√Ļ forte.

Monica, intanto, aveva  ancora saldamente le braccia incrociate e non accennava a toglierle da quella posizione.

 Credeva di passarla liscia con due moine e qualche carezza? Beh, si sbagliava di grosso!

‚ÄúChe tu, infermiera¬†di ghiaccio ma con due occhi che bruciano di passione, sei pazzamente innamorata di me e dei miei difetti ed io ti adoro per questo‚ÄĚ le sussurr√≤¬†all‚Äôorecchio.¬†

Quelle parole le giunsero dritte al cuore lasciandola inerme, completamente indifesa.

Non le aveva mai detto una cosa così carina prima.

Trasalì, quando le sue labbra umide si posarono sul suo collo.

La fece voltare lentamente verso di sè, la guardò dritto negli occhi.

Monica sentì cedere le gambe per l’emozione.

Quegli occhi esercitavano su di lei una forza alla quale non sapeva opporre alcuna resistenza.

Un pò alla volta le braccia allentarono la presa fino a sciogliersi.

Tom cercò le sue labbra e se ne impossessò avidamente.

 La rabbia si dileguò immediatamente: dopotutto, come poteva resistergli?

Gli lanciò le braccia al collo e rispose a quel bacio con la stessa intensità e con la stessa passione.

Quando riapr√¨ gli occhi, sospir√≤¬†rassegnata:¬†‚ÄúTi amo scimmione!‚ÄĚ;

‚ÄúLo so‚ÄĚ e le sorrise dolcemente.

‚ÄúTorno presto promesso, e ti porto fuori a cena, ok?‚ÄĚ;

‚ÄúOk‚ÄĚ.

‚ÄúAllora a dopo‚ÄĚ e la baci√≤ di nuovo prima di sciogliersi dal suo abbraccio e¬†andarsene.

Quando sentì chiudere la porta Monica si sedette sul letto e con una mano si sfiorò le labbra.

Ancora non riusciva a credere a ciò che le aveva appena detto ed il suo cuore traboccava di felicità.

                                                                                    ……………continua